Crea sito

Quante volte ci domandiamo “perché non cresco su Instagram?” e quante volte facciamo fatica a trovare una risposta?
Bazzicando in qua e in la sui vari gruppi a cui partecipo e parlando con molti utenti su IG, mi sono resa conto che il sentimento comune di molti è il fatto che non si riescano a fare grandi numeri su Ig nonostante si pubblichi tutti i giorni e si interagisca continuamente e quindi ci si domanda: “Eh che cavolo, perchè non cresco su Instagram!?”

Beh, oggi parleremo proprio di questo e del fatto che non esiste un vero perché a questa domanda, ma esistono un insieme di fattori che possono influire sulla crescita del tuo profilo e in tutto questo la variabile principale sei TU.

 

Tu sei l’artefice del tuo profilo.

 

Esatto, perché il tuo profilo su Instagram per certi versi ti rappresenta (o dovrebbe rappresentarti) parla di te, di quello che fai, di quello che ti piace fare, ti racconti giornalmente e speri che gli altri apprezzino ciò che dici e che te lo facciano sapere, con un commento sotto al post o magari rispondendo ad una storia.

 È soltanto ciò che dici e ciò che fai che può realmente fare la differenza su questo social.

Instagram è pieno di gente e pieno di profili che si assomigliano tutti e dicono tutti le stesse cose con le foto sempre tutte simili in quegli stessi posti dove vanno tutti per fare foto apparentemente fighe ed è sempre tutto uguale.

  • Ragazze con abiti lunghi color pastello e i palloncini
  • Foto dove non si guarda l’obiettivo ma si finge di guardare altrove in una posa
    seminaturalistica dove sorridi a qualcosa… Ma a che cosa sorridono tutti poi!?
  • Tizi che osservano l’infinità del paesaggio, dando le spalle all’obiettivo con le caption del tipo “sentirsi piccoli davanti alla vastità della natura…”

È tutto così, sempre le stesse foto che però piacciono, perché se le replicate, solitamente questo tipo di foto cattura più l’attenzione di altre. Allo stesso tempo ci sono determinati colori che pare vadano per la maggiore ma possiamo anche fare un elenco di pseudo regole e alla fine che cosa ne viene fuori?

Niente

 

Puoi seguire tutte le regole che ti daranno nei vari blog, di pubblicare solo in determinati orari seguendo le analytics, di usare dei preset particolari, di prendere ispirazioni dalle foto degli influencer, di mettere tot like e commenti prima e dopo aver pubblicato, di fare storie dove dovete metterci la faccia e parlare e raccontare… Ma caro lettore o lettrice, è davvero questo l’importante?

Fatti una domanda, non perchè non cresco su Instagram ma cosa ci sto a fare su Instagram?

Io sto su Instagram perché mi diverto.

 

C’è chi ne vuole fare un lavoro, che vuole vivere viaggiando e facendo l’influencer ma se devi stressarti per poter arrivare, una volta arrivato ti stresserai ancora di più per restare… Che senso ha?

Molte delle persone che si chiedono “Perchè non cresco su Instagram?”, in realtà non lo fanno per lavoro ma per semplice passione, passione significa fare qualcosa perché ci si sente bene a farla, se bisogna farsi venire l’acidità di stomaco perché non si cresce su ig, non è più passione ma ossessione.

Ti diverti a fare foto? Le facevi prima di Instagram? Ti diverti a viaggiare facendo riprese e foto con gli amici/famigliari/fidanzato o fidanzata? Bene, questo basta!
Non chiederti “perchè non cresco su Instagram?” ma chiediti piuttosto “Cosa posso fare su Instagram per divertirmi ed essere appagato?”

Invece di pensare ai numeri, pensa a divertirti, a trasmettere la tua passione e non la tua necessità di avere like e commenti. Comunica quanto sei emozionato o perché no, magari deluso da una determinata situazione o destinazione, racconta solo se hai voglia di raccontare e pubblica solo se hai voglia di farlo, non farlo solo per battere un colpo perché bisogna, fallo perché ti va!

Se vedete i tanti profili grossi che ci sono ora su Ig, molti di questi sono molto influenti perché erano su questo social ben prima che diventasse un terreno fertile per i brand e per il business, ed erano li per cazzeggiare, raccontare la loro passione, in sostanza per divertirsi, lo step del trasformare questo in un lavoro o in una possibilità di collaborazione con i brand è arrivata dopo.

Quindi anche tu, ora non pensare ai k follower del profilo o al perchè non cresci su IG, ma pensa a divertirti e non voler bruciare le tappe. Comunica ciò che ti piace fare, sii sempre te stesso o te stessa e divertiti, vedrai che meno ci pensi e più cresci!

 

La vita è troppo breve per pensare alle quantità, pensa a fare qualcosa che ti soddisfi e varrà più di tutti i follower che puoi immaginare!

Come funziona Instagram e far passare la frustrazione

Avete presente quella sensazione frustrante, quando passate ore su Instagram ad interagire con altre profili ma vedete il vostro crescere solo di pochi followers mentre profili completamente inutili crescono a dismisura e vi domandate come cavolo fanno? Ecco, oggi vi spiego come funziona Instagram e come far passare questa sensazione frustrante. Non sto li a […]

Contina a Leggere

Blogging tips 1 – blog o social quale scegliere?

Quale strategia social è meglio per il mio blog/sito/idea imprenditoriale? Quello che vi racconto è uno stralcio della mia lezione. Alla lezioni di web marketing spesso venivano professionisti e professioniste a raccontare la loro esperienza e il loro lavoro. Tra questi, molti parlavano della loro esperienza con i social e i clienti. Molti clienti desideravano […]

Contina a Leggere

Blogging tips 1 – blog o social quale scegliere?

Ciao Sara! Come stai? Vorrei aprire un blog ma non so se fare un blog o solo una pagina su Instagram o su Facebook… Mi dai qualche consiglio?   Mi è capitato di ricevere su IG messaggi di questo tipo, con persone che vogliono intraprendere una carriera nel blogging ma non hanno ancora le idee […]

Contina a Leggere

La strada delle 52 gallerie: itinerario, dove parcheggiare e consigli di visita per toccare il cielo

Per me passeggiare nella natura è qualcosa di terapeutico, mi distraggo completamente, tutte le preoccupazioni le lascio a fondo valle e mano a mano che salgo mi sento sempre più leggera (oltre che devastata dalla salita non essendo mai stata una sportiva nata) la stessa sensazione l’ho provata durante la strada delle 52 gallerie, un […]

Contina a Leggere